Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Cinema
  4. Depp contro Heard, sul web processo batte aborto e Ucraina

Depp contro Heard, sul web processo batte aborto e Ucraina

Anche Trump dice la sua. Il pubblico tifa per Johnny

(di Alessandra Baldini) (ANSA) - NEW YORK, 18 MAG - Infuria la guerra in Ucraina e le polemiche sull'aborto dividono il paese, ma a giudicare dai click sui social c'è un argomento principe che domina l'attenzione dell'America: Depp contro Heard. Il processo per diffamazione intentato all'ex moglie Amber Heard dall'ex Jack Sparrow della franchise "Pirata dei Caraibi" ha ammassato più interesse online delle più importanti e pressanti storie di attualità, pandemia da Covid, sparatorie e inflazione incluse.
    Perfino Donald Trump non ha resistito: "Che coppia amabile", ha commentato l'ex capo della Casa Bianca intervenendo sulla sua piattaforma Truth Social: "Johnny le fa causa per aver scritto un articolo su un piccolo giornale che nessuno legge", ha detto Trump riferendosi al "Washington Post" e all'op-ed in cui Amber si è autodenunciata come vittima di violenza domestica: "Come gli è andata? Lei ha reagito con una contro causa da 100 milioni".
    Il processo, cominciato il 12 aprile nel tribunale di Fairfax in Virginia, è il primo a diventare virale nell'epoca di TikTok: troppo fotogenici i video di Amber in lacrime sotto il torchio degli avvocati e di Johnny che sogghigna sotto gli occhiali da sole. Amber ha finito ieri di deporre. Improbabile che Johnny venga chiamato di nuovo alla sbarra. A questo punto né lui né lei sono emersi come santerellini, ma Johnny ha una barra più alta da superare per vincere la causa da 50 milioni originata dall'articolo del "Washington Post" con cui l'ex moglie, senza mai nominarlo esplicitamente, gli avrebbe, a suo dire, rovinato per sempre la carriera. E tuttavia, a giudicare dai social, il sentimento anti-Heard è palpabile e l'attrice di "Aquaman" sembra a questo punto aver perso la causa nella corte della pubblica opinione, anche se basterebbe ai suoi avvocati dimostrare un solo caso di abuso - tra i tanti denunciati sul banco dei testimoni - per invalidare le posizioni dell'ex marito. Il tempo stringe. Il 27 marzo è la data fissata per le argomentazioni finali davanti alla giuria. E quello della giuria è l'unico verdetto che conta. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA

        Ultima ora




        Modifica consenso Cookie