Giochi di gruppo a 1 metro di distanza

Nuove regole in ebook di Baccalario, Cattaneo e Taddia

PIERDOMENICO BACCALARIO, MARCO CATTANEO E FEDERICO TADDIA, GIOCHI DI GRUPPO (ANCHE) A 1 METRO DI DISTANZA (MONDADORI RAGAZZI, PP 80, EURO 3,99), CON LE ILLUSTRAZIONI DI MARIANNA BALDUCCI.
    Giocare a Nascondino, a Mosca Cieca, a Rubabandiera, a Calcio e a Bocce stando a un metro di distanza. Sembra impossibile farlo senza toccarsi, senza saltarsi addosso, senza potersi abbracciare. Eppure un modo per non rinunciare al divertimento nel praticare i giochi di gruppo più amati, si può trovare.
    Basta giocare con regole nuove, come ci suggeriscono Pierdomenico Baccalario, Marco Cattaneo e Federico Taddia in 'Giochi di gruppo (anche) a 1 metro di distanza', il primo libro dedicato ai giochi a distanza, secondo le nuove misure di sicurezza, che esce il 25 giugno in ebook per Mondadori, con le prime 15 idee. La versione digitale vuol essere un assaggio della versione cartacea, che uscirà a settembre con tanti giochi e curiosità in più. Gli autori, anche grazie alle bellissime illustrazioni di Marianna Balducci, hanno rivisitato le regole di giochi intramontabili per adattarli al nuovo contesto in cui ci troviamo a vivere.
    "Cambiando gli ingredienti, con un pizzico di ironia e ingegno in più e mescolando il tutto con nuove regole, nel rispetto delle attuali norme di sicurezza, il risultato non cambia, è sempre il divertimento" dicono gli autori. Baccalario, scrittore e autore di romanzi d'avventura per ragazzi, è Medaglia d'oro nei giochi di parole, nei giochi da fermo e nei giochi a cui nessuno vuol giocare. Cattaneo, giornalista sportivo e autore di libri per ragazzi, non c'è sport al mondo che non abbia provato, raccontato o guardato, rigorosamente dalla panchina. E Taddia, giornalista e conduttore, appassionato di giochi, ha un sogno: partecipare e vincere il Campionato mondiale di Nascondino.
    "Il bello dei giochi è che hanno delle regole. E il bello delle regole è che si possono cambiare… Così i giochi diventano altri giochi, ma il divertimento resta sempre quello… Stare lontani almeno un metro l'uno dall'altro (ovvero circa due passi), lavarsi tanto e spesso le mani, non sputare, starnutire e tossire dentro al gomito, non tergersi il sudore con lo stesso asciugamano, disinfettare spesso gli oggetti che si toccano (come per esempio i palloni), non bere dalla stessa borraccia…Insomma, poche storie: le istruzioni per convivere con il Covid-19 le conosciamo già bene e sappiamo che dobbiamo fare un po' di attenzione per evitare i contagi quando siamo con i nostri amici.
    Già, i nostri amici: proprio quelli con cui ci piace giocare! E proprio pensando ai tanti gruppi di amici abbiamo deciso di giocare… con i giochi di gruppo: alcuni famosissimi e altri meno noti, un po' all'aperto e un po' al chiuso. Poi tutti gli sport di squadra, dai più popolari e quelli che scopriamo solo alle Olimpiadi.
    Abbiamo smontato e rimontato le regole, per renderli tutti giocabili stando a un metro di distanza l'uno dall'altro (ma se riuscite anche a stare a due metri siete ancora più bravi)! Non resta che mettersi in gioco, quindi.
    E, come sempre, che non vinca il migliore. Ma vinca quello che si sa divertire di più" spiegano gli autori nell'introduzione.
    Così, il gioco dei Quattro Cantoni diventa degli Otto Cantoni per evitare che due persone si possano trovare nella stessa base nello medesimo momento. E a Rubabandiera ciascuno gioca con una propria bandiera equidistante da ciascun giocatore. E a basket? "Per cominciare, bisogna procurarsi due canestri (o cestini).
    Inoltre, va tenuta a mente una semplice regola: più sono i giocatori, più palloni servono". Costruiti per step, con i disegni esplicativi, i diversi capitoli divisi per "giochi intramontabili", 'sportivi" e "stanziali" includono anche "il messaggio con la bottiglia". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie