Coronavirus: consulenti,datore lavoro 'virtuoso' va tutelato

Approfondimento professionisti su ipotesi scudo penale

(ANSA) - ROMA, 12 MAG - La diffusione del Covid-19 nel Paese e gli effetti sulla collettività "hanno comportato l'emanazione di svariati provvedimenti con l'obiettivo di salvaguardare lo stato di salute dei cittadini, in generale, e quello dei lavoratori, in particolare", atti che includono "un espresso richiamo a protocolli condivisi in base ai quali il governo e le parti sociali hanno individuato le misure sanitarie e informative che i datori di lavoro devono adottare e i lavoratori rispettare sul luogo di lavoro". Parte da questa premessa l'ultimo approfondimento della Fondazione studi dei consulenti del lavoro, incentrato sulle ipotesi di "scudo penale" per chi, alla guida di un'azienda, ottempera agli obblighi sanitari e possa finire sotto indagine, alla notizia di una possibile infezione tra il personale, nonché le responsabilità di chi non osserva le misure fissate dalla legge in tema di prevenzione da Coronavirus. Il ragionamento degli esperti arriva alla conclusione che "sia necessario salvaguardare chi adempie a tutti gli obblighi previsti, introducendo uno scudo per le responsabilità penali di questi imprenditori che hanno investito in sicurezza", scrivono i conuslenti. (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
    BANCA IFIS
    Vai alla rubrica: PMI



    Modifica consenso Cookie