Hong Kong, Carrie Lam punta a 'soluzione pacifica'

Cina, costituzionalità è nostra competenza

Sono circa 30 i manifestanti che hanno lasciato questa mattina il Politecnico di Hong Kong, sotto l'assedio della polizia da oltre due giorni. Secondo il network pubblico Rthk, gli studenti si sono arresi alla polizia intorno alle 10:00 (le 3:00 in Italia), chiedendo aiuto al personale paramedico che ha fornito coperte d'emergenza e sedie a rotelle. Quasi contestualmente, la governatrice Carrie Lam ha detto in conferenza stampa che oltre 100 persone erano ancora arroccate nel campus, mentre 600 erano andate via, tra cui 200 minori.

 Carrie Lam si è detta "molto preoccupata per la pericolosa situazione" del Politecnico assediato dalla polizia, puntando ad avere "una soluzione pacifica" per superare lo stallo. 

La governatrice ha assicurato che non c'è la necessità di chiedere aiuto all' Esercito di liberazione popolare, le forze armate di Pechino, fino a quando il suo governo e la polizia riusciranno a gestire con competenza le violente turbolenze nella città. In conferenza stampa, la Lam ha invitato i cittadini a "non dare interpretazioni eccessive" al gesto dei soldati cinesi che sabato hanno aiutato a rimuove mattoni e detriti dalle strade. Un gesto che la Lam ha definito "non inconsueto".

La Lam ha spiegato che tra le 600 persone andate via dal campus, c'erano anche 200 minori: la resa senza condizioni annunciata dalla polizia include l'immediato arresto una volta usciti dalla struttura, ma la governatrice ha detto che i manifestanti con meno di 18 anni sarebbero stati solo identificati, senza escludere possibili indagini future. Per i 400 residui, invece, sono scattate subito le manette. "Useremo ogni strumento possibile per continuare a convincere e a organizzare per quanti sono rimasti l'uscita dal campus il prima possibile in modo che tutta la vicenda possa finire in modo pacifico", ha aggiunto la governatrice. A tal proposito, "l'obiettivo può essere raggiunto solo con la piena cooperazione dei manifestanti: i rivoltosi devono fermare la violenza, lasciare le armi e seguire le indicazioni della polizia".

La Cina rivendica l'autorità esclusiva sulle questioni costituzionali di Hong Kong e condanna la decisione dell'Alta Corte dell'ex colonia che ha giudicato ieri l'incostituzionalità del divieto di indossare le maschere in pubblico, varato lo scorso mese per frenare le manifestazioni di massa. "Nessun'altra istituzione ha il diritto di giudicare o di prendere decisioni se non il Comitato permanente del Congresso nazionale del popolo", ha commentato in una nota Zang Tiewei, portavoce della Commissione Affari legislativi.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA