I 'cinghialotti' impazzano sui social thailandesi

I ragazzi nella grotta disegnati come cartoon diventano virali

Se centinaia di volontari arrivati da tutta la Thailandia danno il loro sostegno al campo base, sui social media i thailandesi spingono moralmente i "cinghialotti" (il nomignolo deriva dal nome della loro squadra di calcio) verso l'uscita con pensieri e cartoni che esprimono tutta la compattezza, e anche la genuinità, della società thailandese in questa storia che ha commosso il mondo.

Disegni semplici, quasi infantili, ma che proprio per questo catturano l'essenza del momento: quella di 12 ragazzi di provincia finiti in un pasticcio più grande di loro, che vanno coccolati proprio come dei cuccioli indifesi.

Vignette improntate alla speranza avevano fatto il giro dei social media nel Paese già da quando dei giovani calciatori non si sapeva neanche se fossero vivi. Ma se in quelle traspariva tutto il timore per un'operazione che sembrava piena di rischi per la loro vita, il ritorno in superficie dei ragazzi è accompagnato da disegni ancora più innocenti, e in tutti sono ritratti davvero come piccoli cinghiali appena nati.

E gli altri personaggi dell'impresa, in particolare i sub, diventano parte integrante della storia. In uno dei cartoon che sta impazzando sul web, il sub diventa un delfino che porta in braccio il baby-cinghiale verso l'uscita, come se fosse un suo cucciolo. In un'altra, tre cinghialotti, con sembianze da neonato, nuotano da soli immersi con la maschera. E in un terzo disegno diventato virale online, tutti i partecipanti all'immane sforzo collettivo sono rappresentati con una caratteristica particolare che riconduce al proprio Paese: i 12 cinghialotti nuotano tra i cunicoli circondati da altri animali come il canguro (Australia), il panda (Cina) e l'alce (Canada), mentre i Navy Seal ("seal" significa "foca") thailandesi sono delle foche bianche. C'è spazio anche per il responsabile dei soccorsi, il governatore Narongsak Osatanakorn: è un elefante bianco davanti al gruppo, il primo a nuotare verso l'uscita, e riconoscibile dai tipici occhiali e dal cappellino blu con cui si presenta a tutte le conferenze stampa.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA