Politica
  1. ANSA.it
  2. Politica
  3. Rischio scissione M5s, i numeri in Parlamento

Rischio scissione M5s, i numeri in Parlamento

Sono i gruppi più numerosi, chi sta con Di Maio e chi con Conte

La sensazione è di essere arrivati allo scontro finale. Che si tratti di espulsione o scissione, quel che è certo è che i numeri saranno decisivi per determinare quali effetti avrà il terremoto nei Cinque Stelle sugli equilibri parlamentari e di governo. L'eventuale addio di Luigi Di Maio, frutto di una cacciata o per decisione autonoma del ministro, potrebbe infatti provocare un esodo di diverse decine di parlamentari fedeli alla linea governativa del titolare della Farnesina. Indebolendo i gruppi di Giuseppe Conte, ma modificando anche gli equilibri e la geografia parlamentare del Movimento che attualmente conta 72 senatori e 155 deputati.
    Il terreno di scontro è il più caldo di tutti: la politica estera. Ma sullo sfondo pesa anche la questione del limite del secondo mandato: allarma molto chi è in Parlamento da 10 anni e, dunque, non più ricandidabile. Su questo punto, in particolare, si sono saldate diverse anime del partito, prima distanti, ora unite nell'ostilità al leader. E così, la componente che fa capo al ministro Di Maio potrebbe allargare il consenso e provocare una frattura più profonda: che si tratti di espulsione o scissione, potrebbero essere fino a 60 i deputati e senatori disposti a seguire il titolare della Farnesina fuori dal Movimento.
    Suoi fedelissimi sono considerati la viceministra all'Economia Laura Castelli e parlamentari o ex membri di governi precedenti come Manlio Di Stefano, Vincenzo Spadafora, Mattia Fantinati, Sergio Battelli, Dalila Nesci, Virginia Raggi, Claudio Cominardi Primo di Nicola, gli ex sottosegretari Vacca e Valente. Con Conte, invece, il ministro Stefano Patuanelli e dirigenti di peso come Vito Crimi, Paola Taverna, Ettore Licheri e Alfonso Bonafede.
    È evidente che molto dipenderà dalle modalità con cui si arriverà alla spaccatura. E dal posizionamento dei pentastellati rispetto al governo: se dovessero allontanarsi dall'attuale maggioranza di Draghi, infatti, i gruppi di Conte dovrebbero affrontare defezioni più numerose. Tanto più che i sondaggi e i risultati delle recenti amministrative hanno generato timori sul futuro in molti peones. Anche da questi sviluppi dipenderanno, insomma, le scelte dell'area di mezzo, occupata da mediatori come gli attuali capigruppo e i battitori liberi.
    Riflettori, dunque, sulle mosse future di Di Maio e dei suoi uomini. E non è un caso che negli ultimi giorni il ministro degli Esteri sia finito sotto la lente di ingrandimento del cosiddetto polo riformista che punta su Beppe Sala come possibile leader. Un'area, quella di centro, che guarda con interesse anche ai moderati di Forza Italia che da tempo sono in sofferenza rispetto alle posizioni più filo-leghiste del loro partito.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Modifica consenso Cookie