Amazon va avanti su software ad agenzie governative Usa

Riconoscimento facciale aveva scatenato protesta dei lavoratori

ROMA - Amazon non intende fare marcia indietro sulla vendita del suo software di riconoscimento facciale alle agenzie governative americane, nonostante la protesta dei dipendenti che si è verificata il mese scorso. Lo ha detto il Ceo di Amazon Web Services, Andy Jessy, in un incontro informale con gli impiegati, secondo quanto riferito da alcuni media Usa.

Jessy si è detto "convinto del valore che Amazon Rekognition sta fornendo ai nostri clienti sia dentro le forze dell'ordine, sia fuori", aggiungendo che è responsabilità del governo normare la tecnologia. Rekognition, il sistema di riconoscimento del volto sviluppato da Amazon, a ottobre aveva scatenato la protesta dei dipendenti: in una lettera firmata da 450 lavoratori, avevano chiesto ai vertici dell'azienda di interrompere la vendita del software ad agenzie governative e forze dell'ordine. Il nodo sarebbe il rischio di un uso improprio della tecnologia, adottata anche dall'agenzia federale Usa per la sicurezza delle frontiere e dell'immigrazione (Ice).

"Amazon sta realizzando e vendendo un sistema pericoloso di sorveglianza di massa. Sappiamo dalla storia che i sistemi di sorveglianza nuovi e potenti lasciati incontrollati nelle mani dello Stato sono stati usati per colpire persone che non hanno fatto niente di male", aveva scritto a metà ottobre un dipendente anonimo di Amazon sulla piattaforma Medium.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA