La Quaresima al tempo del coronavirus

Vescovo Muser, invito alla solidarietà senza panico e allarmismi

(ANSA) - BOLZANO, 26 FEB - La Quaresima al tempo del coronavirus, un'occasione di riconciliazione e di condivisione davanti alla fragilità umana: questo il filo conduttore dell'omelia del vescovo Ivo Muser che in mattinata ha presieduto la celebrazione del Mercoledì delle Ceneri nel duomo di Bolzano.
    Annullato causa coronavirus il pellegrinaggio a Roma con mille chierichetti, il vescovo ha ricordato nella sua celebrazione che la riconciliazione è il programma più importante della Quaresima. "Non rimandiamo la nostra conversione: il domani non è nelle nostre mani. E chiediamoci davvero: con chi devo riconciliarmi concretamente?", ha detto il vescovo in un duomo affollato. "Evitiamo forme di distanza e di sospetto nelle relazioni sociali: che questi giorni delicati ci facciano essere più solidali, più uniti, senza leggerezza ma anche senza panico né allarmismi." Monsignor Muser ha poi rinnovato la vicinanza nella preghiera "alle persone contagiate e ai loro familiari, ma anche ai medici, al personale sanitario."

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Videonews Alto Adige-Südtirol

      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie