Carne in laboratorio, dottorato al Cibio

Startup trentina Bruno Cell investe 100.000 euro

(ANSA) - TRENTO, 03 AGO - La startup trentina Bruno Cell è l'unica realtà italiana a occuparsi della crescita di carne in laboratorio. Nata dal lavoro dei due professori associati dell'Università di Trento, Stefano Biressi e Luciano Conti, la società - informa Hub Innovazione Trentino - sta per investire 100.000 euro nel finanziamento di un dottorato in innovazione industriale presso i laboratori del Dipartimento di Biologia cellulare, computazionale e integrata (Cibio).
    Finanziata da un imprenditore della carne di Roma, Bruno Cell sta inoltre avviando un rapporto di collaborazione con Trentino Sviluppo Spa e la Provincia autonoma di Trento per ottenere un supporto e investimento in ricerca.
    La ricerca di Bruno Cell rientra nell'ambito dello sviluppo della linea cellulare, puntando a sviluppare una tecnologia di ingegneria genetica che consenta di produrre carne coltivata in laboratorio attraverso la differenziazione delle cellule staminali. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Videonews Alto Adige-Südtirol

        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie