Eremita, coronavirus è prova per umanità

Fra Taddeo raggiunto dall'ANSA fra tortuosi sentieri Appennino

(ANSA) - PERUGIA, 14 MAR - "Se io sono matto a vivere qui, voi siete matti a vivere in quel mondo là". Lo sguardo si perde nella vallata sottostante e oltre le montagne dove c'è quel "mondo matto" da cui fra Taddeo, 24 anni fa, prese le distanze salendo quassù, in mezzo all'Appennino umbro-marchigiano, per vivere la sua solitudine fatta di preghiera, silenzio e penitenza. Che in questo tempo di coronavirus sembrano assumere un valore e un significato ancora più forte.
    Taddeo Wrona, polacco di 51 anni, è l'ultimo degli eremiti che da oltre 1.500 anni hanno scelto le vette che dominano Preci e la Valle Castoriana e trascorre la sua vita nel minuscolo eremo di San Fiorenzo, che l'ANSA ha raggiunto dopo un lungo viaggio a piedi tra i sentieri dell'Appennino.
    "Questo virus - dice - è una prova per l'umanità. Un momento importante per farci riflettere sulle cose significative, per farci capire di che pasta è fatto l'uomo. La gente corre troppo, a un certo punto occorre fermarsi e il coronavirus forse ci offre questa occasione".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie