Lite tra parenti, sequestrati fucili

Armi da caccia denunciate ma tenute fuori norma

(ANSA) - VICENZA, 19 GIU - I Carabinieri di Longare (Vicenza), hanno ritirato, in via precauzionale, cinque fucili da caccia e del relativo munizionamento, appartenenti a due persone, parenti tra loro, entrambi residenti a Montegaldella. L'intervento è conseguente ad un diverbio, scoppiato ieri pomeriggio tra parenti per futili motivi dovuti ad incomprensioni di lungo corso. Una volta giunti sul posto, i militari, appreso che uno dei due era detentore di un'arma da caccia, mentre l'altra ne aveva la disponibilità atteso che il figlio di uno dei due risultava proprietario di quattro fucili da caccia, decidevano di ritirare, in via precauzionale, il fucile ad uno di loro e di effettuare un controllo circa l'idoneità delle modalità di detenzione delle altre quattro armi. Dal controllo effettuato, risultava però che un fucile era detenuto senza essere stato denunciato, mentre gli altri erano custoditi senza le cautele di legge. Per questo motivo i Carabinieri hanno provveduto al sequestro anche di questi.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere