Amazzonia: Greenpeace chiede dimissioni ministro Ambiente

Membro governo Bolsonaro accusato di contrabbando di legname

Redazione ANSA BRASILIA
(ANSA) - BRASILIA, 20 MAG - Greenpeace ha chiesto le dimissioni del ministro dell'Ambiente brasiliano, Ricardo Salles, dopo che i suoi locali sono stati perquisiti nell'ambito di indagini su un presunto schema di contrabbando di legname dall'Amazzonia.

"E' necessario che il ministro Salles venga immediatamente rimosso dall'incarico, anche se questo non è sufficiente per superare tutti i problemi creati dalla politica anti-ambientale del governo", ha detto Tais Bannwart, portavoce di Greenpeace.

La Corte suprema di Brasilia (Srtf) ieri ha ordinato alla polizia federale di fare irruzione negli uffici di Salles, accusato di appartenere a un'organizzazione che "ha facilitato il contrabbando di prodotti forestali" negli Stati Uniti e in Europa, secondo gli inquirenti.

Intanto il quotidiano Estado de S.Paulo ha scritto oggi che il giudice della Stf, Alexandre de Moraes, starebbe indagando anche su un "movimento finanziario atipico" del ministro.

Secondo alcuni osservatori, Jair Bolsonaro non avrebbe tuttavia intenzione di licenziare Salles, definito sui social "il miglior ministro dell'Ambiente nella storia di questo Paese" dal deputato Eduardo Bolsonaro, figlio del il presidente della Repubblica. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie