Impugnata norma taglia Parco Sirente-Velino.Legambiente,bene

'Ora lavoriamo perché diventi Parco Nazionale'

Redazione ANSA PESCARA
(ANSA) - PESCARA, 23 LUG - Il Consiglio dei ministri, su proposta del ministro per gli Affari regionali e le autonomie, Mariastella Gelmini, ha esaminato 29 leggi delle Regioni e delle Province autonome e ha deliberato di impugnare, tra le altre, la legge della Regione Abruzzo sulla "nuova disciplina del Parco naturale regionale Sirente Velino e revisione dei confini" in quanto "talune disposizioni si pongono in contrasto con la normativa statale in materia di aree naturali protette e in materia di ordine pubblico e sicurezza".

"La richiesta di Legambiente, avanzata lo scorso 19 maggio, ha trovato ragione nel Governo che ha impugnato la norma taglia Parco" si legge in una nota di Legambiente che ora chiede di lavorare "per la trasformazione del Sirente Velino in Parco Nazionale". Si tratta di "un'area fondamentale per la tutela delle specie a rischio e ricco di habitat di pregio, come servono più aree protette e più territori protetti per frenare la perdita della biodiversità e ridurre gli effetti dell'emergenza climatica in corso. Da subito - prosegue la nota - la scelta del taglio dell'unico parco regionale ad opera del Consiglio regionale abruzzese era stata ritenutata anacronistica e in contrasto con le norme nazionali e gli obiettivi dell'Unione Europea sulla tutela della biodiversità e sul percorso della Next Generation UE. Questa impugnativa - conclude la nota di Legambiente - rappresenta una sonora bocciatura per la Regione Abruzzo e anche di chi, appena nominato al vertice del Parco, ha rivendicato la giustezza e la necessità della riduzione del perimetro. Se ne prenda atto e lavoriamo per la trasformazione del Sirente Velino in Parco Nazionale". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie