Sacchetti bio: illegale uno su 4, smaltirli costa 30 milioni

Assobioplastiche, perdita per la filiera legale di 85 milioni

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 04 MAG - Ancora un sacchetto su quattro in circolazione in Italia non è a norma di legge. Gli ultimi dati di Assobioplastiche, relativi al 2020, sono stati presentati in un'audizione alla Commissione parlamentare ecomafie. Se nel 2013 su 118.000 tonnellate il 77,7% non era a norma, nel 2020 su 74.000 tonnellate sono illegali circa 18.500 tonnellate e questa riduzione è vista come la "prova dell'efficacia della legge in termini di prevenzione" anche se resta ancora strada da fare.

Legambiente aveva stimato dai sacchetti illegali un danno per la filiera legale pari a 160 milioni di euro nel 2016, che aggiornato a oggi ammonta a 85 milioni circa secondo Assobioplastiche. Danni vengono causati anche all'erario con un'evasione quantificabile in 18 milioni.Gli ulteriori costi a carico della comunità per lo smaltimento dei materiali non a norma: nel 2016 erano stimati in 50 milioni e oggi si aggirano intorno ai 30 milioni. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA