ANSAcom

ANSAcom

Beauty: Rivoluzione da studi su microcircolazione pelle

Scoperta mondiale Shiseido su network vascolare cutaneo

ROMA ANSAcom

di Agnese Ferrara

Dopo le creme idratanti, con filtri solari e ad effetto ‘botox-like’ che hanno impazzato fino ad oggi, è la volta dei sieri che favoriscono la microcircolazione come arma contro rughe e imperfezioni della pelle. Il flusso sanguigno nutre le cellule della pelle, ne aumenta le difese mantenendola sana e giovane ma con gli anni i capillari sottocutanei perdono efficacia e nel flusso sanguigno circolano anche sostanze killer che abbattono la vitalità delle cellule alla base della pelle. La ricerca in ambito cosmetico rivaluta l'importanza della circolazione del sangue che arriva nella cute attraverso i capillari e sforna nuove sostanze in grado di stimolare nuovamente la funzionalità del network vascolare per garantire nuova vitalità e giovinezza al viso anche quando invecchia.

La rivoluzione della ‘microcircolazione positiva’ è alla base dei nuovi elisir anti età ed è targata Shiseido. La scoperta è il frutto di molteplici studi avviati 20 anni fa’, culminati con la messa a punto di due tecnologie coperte da brevetto: ImmuGenerationRed Technology e Lifeblood Research. La prima riguarda la messa a punto di ingredienti ‘booster’ in grado di incrementare le difese immunitarie della pelle, mentre la tecnologia Lifeblood Research è alla base degli studi sul network sanguigno della pelle cominciati dalla casa cosmetica giapponese insieme a laboratori di prestigio come il Cutaneus Biology Research Center di Boston, creato dalla Massachusetts General Hospital e l’Harvard Medical School.
“A ottobre 2020 una nostra ricerca ci ha resi i primi al mondo a osservare con successo i capillari su tre dimensioni usando la tecnologia Lifeblood Research, che sfrutta la tomografia a coerenza ottica a raggi laser infrarossi per svelare la struttura interna della pelle del viso,” spiegano dai laboratori Shiseido dove con questa tecnologia è stato definito con precisione il deterioramento della rete capillare con l’avanzare dell’età.

“Nello stesso anno abbiamo scoperto che con l’età si riduce anche il numero delle cellule di Langerhans che formano la struttura cutanea e abbiamo approfondito il ruolo di alcuni precursori di tali cellule che viaggiano nel corpo attraverso il sangue e arrivando alla pelle attraverso i capillari. Invecchiando il meccanismo rallenta”.
Dalle due tecnologie sono nate le formule dei nuovi sieri (dal nome Ultimune) contenenti estratti vegetali e fermentati in grado di ripristinare la microcircolazione e prevenire la degradazione di quel delicato network di capillari cutanei stimolandone la loro funzionalità più a lungo. Spiegano i ricercatori dei laboratori Shiseido: “E’ risaputo che grazie ai massaggi si può ottimizzare temporaneamente la microcircolazione e in quel lasso di tempo la pelle diventa più vitale e luminosa, nascondendo anche discromie e macchie brune. Se il massaggio migliora però temporaneamente le imperfezioni della pelle, l’uso quotidiano di questi sieri stimolanti ne prolunga l’effetto a lungo associando anche una azione protettiva di rinforzo delle cellule di Langerhans della pelle affinché non vadano incontro a senescenza”.

In collaborazione con:
Shiseido

Archiviato in


      Modifica consenso Cookie