Audi, il futuro in scena all'Audi City Lab di Milano

Ieri evento con Mario Calabresi, Gabriele Muccino e altri ospiti

Redazione ANSA MILANO

All'Audi City Lab di Milano i racconti ispirati alla luce e al domani. Lo spazio allestito in via Spiga 26 e targato Audi e che resterà aperto fino al 27 settembre, ha ospitato ieri l'evento inaugurale con ospiti e numerosi interventi sul tema del futuro e di una società, abitudini di mobilità comprese, in continuo e sempre più veloce cambiamento. Protagonisti, i racconti di chi sta progettando un domani mettendo al centro l'uomo e la sua unicità, che genera progresso e conoscenza.
    Tutte esperienze che raccontano avanguardia e nuovi orizzonti da esplorare come testimoniato dall'installazione di Marcel Wanders studio, raccontata sul palco da Gabriele Chiave, uno dei due direttori creativi.
    Grazie alla visione di Marcel Wanders Studio, la location si è trasformata in un'installazione dedicata ad un'esperienza immersiva che prende il nome 'Enlightening the future', all'interno della quale il visitatore si interfaccia in prima persona con i giochi di luce e le soluzioni creative presenti, diventando egli stesso creatore e spettatore dell'esperienza. Il pubblico, in connessione con i contenuti del mondo Audi, viene proiettato in una dimensione emozionale ed avvolgente in cui Audi A6 e-tron concept, in anteprima nazionale, e la Granturismo Audi RS e-tron GT, diventano oggetti d'arte che si svelano dietro a una moderna e suggestiva teca di luce.
    Di rinascita e ripartenza ha parlato Mario Calabresi, giornalista e scrittore che nel suo libro 'La mattina dopo' mette in evidenza racconti che parlano di resilienza e di coraggio di rimettersi in gioco. Con Calabresi hanno conversato Gabriele Muccino, regista e sceneggiatore che con la propria arte racconta l'evoluzione della realtà, ma anche Fabrizio Longo, Direttore Audi Italia, assieme a Henrik Wenders, Senior Vice President AUDI AG, per spiegare gli scenari in cui Audi si inserisce come mobilità sostenibile.
    Altri racconti a proposito di futuro sono stati quelli di Francesco Ragazzi, founder e creative director Palm Angels e altro invitato alla serata. Cinque anni fa Ragazzi ha dato vita a quella che Forbes ha annoverato tra le miglior 10 start-up nel fashion system del 2016. Art Director con formazione in Fashion Communication, Francesco Ragazzi, milanese di nascita, ha dato il via al progetto Palm Angels nel 2011, con una documentazione fotografica della skate culture di Los Angeles. Da questo primo lavoro derivano un libro pubblicato da Rizzoli nel 2014 e una collezione di abbigliamento nata nel 2015. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie