Da Roma a Capo Nord in 45 ore, è Guinness world record

Alla guida di una Ferrari F8 equipaggio italiano vince la sfida

Redazione ANSA ROMA

Oltre 4.400 Km su strada tra Roma e Capo Nord in meno di 49 ore. Sfida e record ampiamente centrati alla guida di una Ferrari F8 con il tempo esatto di 45 ore 20 minuti e 37 secondi. Protagonisti del primato, Guinness World Record 2021, sono Fabio Barone e il suo copilota Alessandro Tedino.
    L'equipaggio italiano, a bordo di una Ferrari F8 Tributo, era partito sabato 4 settembre da Via dei Fori Imperiali a Roma con l'obiettivo di percorrere i 4400 chilometri di distanza in un tempo inferiore a quello stimato dal sistema di mappatura e navigazione progettato dal "gigante" di Mountain View.
    Con ben 11 rifornimenti di benzina lungo tutto il percorso, i due italiani hanno attraversato gran parte dell'Europa senza mai oltrepassare i limiti di velocità previsti sul percorso e hanno potuto dare sfogo alle prestazioni della loro Ferrari solo sulle leggendarie autostrade tedesche. Il viaggio è stato continuamente monitorato dalla Federazione Italiana Cronometristi e da un team di 40 tecnici e professionisti che ha seguito l'equipaggio in diretta durante tutta l'impresa. Un progetto accarezzato da due anni e che li ha portati con grande soddisfazione ad entrare nel Guinness dei Primati. "L'idea - spiega Barone - è nata ispirandoci ad una impresa del lontano 1953 in cui quattro giovani audaci a bordo di una Fiat Balilla partirono da Roma e giunsero fino a Capo Nord, tornando nella Capitale dopo 45 giorni di viaggio. Per l'epoca, questo viaggio fu una vera e propria impresa. Da qui l'idea di bissare l'iniziativa, declinandola con protagonisti del Terzo Millennio".
    Barone nel corso degli anni ha conquistato tre Speed World Record su strada: nel 2015 ha affrontato la Transfăgărășan, la strada nazionale della Romania che si snoda nel nord della Transilvania fino alle pendici del castello di Dracula, l'anno successivo ha scalato la Tianmen Mountain Road, un vero drago di cemento che con le sue 99 curve passa da 200 a 1300 metri di altezza, collocandosi a pieno titolo fra i percorsi più pericolosi del globo. Nel 2018 un nuovo primato di velocità fra gli spettacolari Canyon della Valle del Dades in Marocco.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie