Jaguar Land Rover riduce produzione Gb a Solihull e Halewood

Limitazioni fino alla primavera per la carenza di semiconduttori

Redazione ANSA ROMA

 Jaguar Land Rover ha deciso di tagliare la produzione negli stabilimenti di Solihull e Halewood tra gennaio e la fine di marzo nonostante il portafoglio ordini a novembre sia arrivato al valore record di oltre 205.000 auto.
    Lo stabilimento di Solihull, nelle West Midlands, passerà da due turni a uno nelle parti dello stabilimento che producono la Range Rover Velar e la Jaguar F-Pace, ma aggiungerà un turno extra per produrre i pannelli della carrozzeria della Range Rover, molto richiesta. Anche il lavoro nello stabilimento di Halewood, nel Merseyside - dove si fabbricano la Discovery Sport e la Range Rover Evoque - sarà ridotto a un turno.
    La decisione, si legge su The Guardian, è stata presa per far fronte alla carenza di parti (soprattutto microchip) e per cercare di dare la priorità ai modelli più redditizi. JLR come altre Case automobilistiche sono ancora afflitte dalla carenza di semiconduttori dall'inizio del 2021. La produzione di automobili nel Regno Unito a ottobre ha superato di poco più della metà il livello pre-pandemia del 2019, secondo i dati pubblicati venerdì dalla Society of Motor Manufacturers and Traders.
    Questa interruzione in JLR arriva proprio mentre l'azienda sarà priva dal 31 dicembre dell'amministratore in seguito all'annuncio a sorpresa la scorsa settimana delle dimissioni di Thierry Bolloré, per 'motivi personali'. La partenza del ceo - si legge su The Guardian - ha sollevato interrogativi sulla strategia futura di JLR, e in particolare sul suo approccio all'elettrificazione della gamma prodotto sebbene la società insista che la strategia rimarrà invariata. JLR è stata in perdita negli ultimi 18 mesi, ma in occasione della presentazione dei risultati finanziari lo scorso 9 novembre, Bolloré aveva affermato di ritenere che la fornitura di semiconduttori migliorerà nei prossimi mesi con la previsione di continuare a migliorare le prestazioni nella seconda metà del 2023.  
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie