IAA, Hyundai: a partire dal 2035 stop vendita auto termiche

A Monaco brand presenta suo impegno verso neutralità carbonica

Redazione ANSA ROMA

Hyundai sceglie la vetrina dell'IAA Mobility 2021, per presentare al grande pubblico il suo impegno a diventare carbon neutral entro il 2045.
    La strategia integrata di Hyundai per raggiungere la neutralità carbonica si basa su tre pilastri: mobilità pulita, piattaforme di nuova generazione ed energia verde. In occasione di IAA, Hyundai mostra l'intera gamma di veicoli elettrificati e le ultime soluzioni per progredire con un'energia positiva. Allo stand, i visitatori possono trovare i concept BEV, un modello robotaxi completamente elettrico e alcune rappresentazioni artistiche sulla catena del valore dell'idrogeno. I visitatori possono raggiungere i vari spazi fisici di IAA attraverso il servizio Hyundai Blue Lane, che offre l'opportunità di provare gli ultimi modelli green del brand, tra cui Ioniq 5, Nexo, Kona Electric e l'autobus Elec City Fuel Cell.
    L'obiettivo del marchio sudcoreano è quello di ridurre entro il 2040 le sue emissioni di carbonio del 75% rispetto al livello del 2019. Hyundai raggiungerà la neutralità carbonica nei suoi prodotti e nelle sue operazioni globali entro il 2045.
    La strategia messa in atto per raggiungere questo obiettivo si fonda su tre pilastri: espandere la sua gamma green, sviluppare piattaforme di prossima generazione e investire in tecnologie e soluzioni di energia verde.
    L'impegno di Hyundai riguarda la volontà di aumentare la quota di vendite di veicoli a zero emissioni (ZEVs) nei prossimi anni. Entro il 2030, il marchio punta a raggiungere il 30% delle sue vendite globali di veicoli a zero emissioni, ed entro il 2040 prevede che i veicoli elettrici a batteria (BEV) e i veicoli elettrici a celle a combustibile (FCEV) rappresenteranno l'80% delle vendite totali della sua flotta.
    In Europa, Hyundai prevede di offrire esclusivamente veicoli a zero emissioni (ZEVs) a partire dal 2035 ed entro il 2040 di eliminare gradualmente nei principali mercati tutti i veicoli che utilizzano combustibili fossili, sostenendo la transizione verso una mobilità pulita.
    Per quanto riguarda le auto ad alimentazione elettrica, il brand uscità prossimamente con la nuova Ioniq 6, che trae ispirazione dal concept elettrico Prophecy, esposto a IAA 2021.
    Hyundai continua ad investire, comunque, anche nella tecnologia delle celle a combustibile a idrogeno da più di 20 anni. Nel 2013 il brand ha lanciato ix35, il primo veicolo a idrogeno al mondo ad essere prodotto in serie, seguito nel 2018 da Nexo, il primo suv alimentato a idrogeno. Lo scorso anno, Hyundai ha consegnato Xcient Fuel Cell, il primo camion a celle a combustibile prodotto in serie al mondo, ad alcuni clienti in Svizzera. Hyundai ha inoltre recentemente presentato il suo autobus Elec City Fuel Cell a Monaco e il veicolo è ora in fase di test in Europa.
    Nel 2023, è previsto l'arrivo del prossimo modello di Nexo e un nuovo mpv sempre alimentato a idrogeno. Hyundai prevede anche di lanciare un suv di grandi dimensioni alimentato da celle a combustibile dopo il 2025. La Casa coreana fornirà i suoi propulsori a celle a combustibile a tutti i tipi di flotte di mobilità e ad altri settori.
    Allo IAA inoltre è possibile ammirare da vicino un primo assaggio del suo innovativo modello di robotaxi. Il brand ha collaborato con Motional, leader globale nella tecnologia senza conducente, per sviluppare il veicolo di guida autonoma di livello 4 SAE, basato su Ioniq 5.
    Con una suite di sensori avanzati collegata all'ultimo modello elettrico di Hyundai, il robotaxi Ioniq 5 presenta un design guidato dalla tecnologia che celebra l'innovazione alla base del funzionamento autonomo. Gli interni saranno caratterizzati da una serie di interfacce incentrate sui passeggeri per consentire loro di interagire in modo intuitivo con il veicolo durante il percorso. Motional utilizzerà il robotaxi nel suo servizio pubblico di ride-hailing senza conducente a partire dal 2023.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie