E' la giornata mondiale del turismo gay lesbian

Inclusività, sicurezza e un nuovo protocollo con l'Enit

di Ida BIni ROMA

Il 10 agosto si festeggia la giornata mondiale del turismo gay & lesbian, istituita dalla Camera di Commercio argentina e adottata a livello internazionale da molti Paesi. Tra questi c'è l'Italia con Gay friendly Italy, piattaforma di viaggi prodotta da Gay.it, che si prepara all'evento forte del protocollo Diversity & Inclusion: siglato dall'Agenzia nazionale turismo Enit, dall'Associazione italiana turismo Gay&Lesbian e dal gruppo Sonders&Beach si concluderà a Milano con la Convention Iglta, International Gay Lesbian Travel Association, del prossimo anno.

«La Convention Iglta 2022 accenderà un faro sull'Italia che già vive un momento molto positivo» ha commentato Alessio Virgili, presidente Aitgl e ambasciatore italiano Iglta. Grazie al protocollo, infatti, si fa sempre più strada nel nostro Paese il turismo arcobaleno con promozioni, risorse e politiche nuove, frutto della collaborazione tra il settore pubblico e quello privato. Il protocollo Diversity & Inclusion è il primo in Italia dedicato all'ospitalità gay friendly e all'inclusione arcobaleno: definisce le linee guida essenziali, i comportamenti e le buone pratiche da adottare per marketing, vendita e accoglienza rivolta alla comunità Lgbtq. Possono ottenerlo catene alberghiere, istituzioni, enti di accoglienza territoriali e tour operator. "Ogni persona ha il diritto di fruire di un'offerta turistica a propria misura - è scritto nella dichiarazione di apertura del protocollo - in modo da trarre piacere e beneficio dal soggiorno lontano da casa, in piena autonomia e semplicemente essendo se stesso senza il rischio di essere deriso o addirittura discriminato". «Si tratta di un'attestazione necessaria e importante per il nostro Paese» afferma il presidente Alessio Virgili «dobbiamo infatti riflettere su una realtà inconfutabile che non può più basarsi su generiche formule di accoglienza, perché il 7 percento della popolazione mondiale appartiene a questa comunità (con un fatturato di 3 miliardi e 200 milioni l'anno) che rappresenta un target in costante crescita, con grandi capacità di resilienza e abituata a viaggiare, quindi desiderosa di ritornare a queste consuetudini». Il protocollo, dunque, è utile per accogliere i turisti arcobaleno nel miglior modo possibile, con esperti in consulenza e comunicazione del settore e un investimento a lungo termine.

Negli Stati Uniti Enit e il gruppo Sanders&Beach hanno dato il via anche a una collaborazione per realizzare contenuti redazionali e video dedicati al turismo Lgbt sulla piattaforma internazionale QueerVadis.com. «L'intesa con Enit si fa sempre più stretta e significativa» afferma Alessio Virgili, che è anche ceo di Sonders&Beach «per l'Italia questa è un'occasione da non perdere, e lo sarà ancora di più dopo la pandemia, creando grandi opportunità per le imprese che vogliono diversificare e investire su questo importante segmento turistico che ci qualifica come Paese accogliente anche rispetto a tutti gli altri viaggiatori». «Il turismo Lgtbq+ genera in Italia 2,7 miliardi di euro di fatturato», prosegue Virgili «da molti anni siamo impegnati ad agevolare la crescita di questo mercato e sono orgoglioso di aver raggiunto questo traguardo grazie al sostegno di molte istituzioni e imprese». I turisti arcobaleno che visitano l'Italia sono il 10 percento dei viaggiatori Lgbtq+ di tutto il mondo e questo importante dato offre enormi opportunità per le imprese italiane che vogliono diversificare e investire in questo settore.

Temi della giornata mondiale di quest'anno sono l'inclusività e la sicurezza, da sempre cruciale per i turisti arcobaleno: "Esperienze più sicure per i viaggiatori Lgbtq+, per un viaggio verso un turismo inclusivo", è il titolo di quest'anno. «Il turista che viene in Italia vuole sentirsi sicuro» commenta il presidente Virgili, «vuole poter soggiornare in una struttura dove non rischia di essere discriminato e dove ci si rivolga apertamente al proprio universo così da poter soddisfare il bisogno di legittimazione sociale, dove il personale sia in grado di suggerire eventi o luoghi Lgbt in città o dove vengano realizzati pacchetti anche per le coppie gay». A causa dei numerosi episodi di omobitransfobia sono molti i viaggiatori arcobaleno che, pur mettendo l'Italia al primo posto tra le mete turistiche desiderate, scelgono alla fine altre destinazioni, facendo così scendere il nostro Paese al quinto posto della classifica dei mercati internazionali, secondo i dati della Community Marketing Inc.

Il 10 agosto, dunque, è un'ottima occasione per scoprire le nuove tendenze ma anche per sensibilizzare la comunità internazionale sull'importanza socioculturale del turismo arcobaleno e del suo potenziale impatto sul mercato dell'occupazione. E' l'occasione per rendere il turismo arcobaleno inclusivo, responsabile, sostenibile, sicuro e più accessibile, invitando tutti a prendere parte a questa celebrazione. Il 10 è anche la giornata per ricordare i pionieri di questo settore, tutti coloro che in passato hanno reso più sicure le esperienze di viaggio della comunità Lgbt+ e che hanno reso la diversità un valore da rispettare. In particolare si ricorda Bob Damron, uno dei capostipiti del turismo Lgbt+, che ha guidato negli anni migliaia di persone attraverso esperienze sicure che hanno permesso l'espansione del mercato e della comunità stessa verso destinazioni in cui l'inclusività e la diversità sono valori universali.

#LGBTQtourismDay #WorldLGBTQTourismDay Due giorni dopo, il 12 agosto, Copenaghen ospita il WorldPride, l'evento Lgbti+ più significativo dell'anno, con oltre 250mila persone che celebreranno l'arcobaleno sotto il motto di #YouAreIncluded. Fino al 22 agosto si svolgeranno contemporaneamente anche gli EuroGames con un programma ricco di iniziative. Saranno 10 giorni di celebrazione della diversità e dell'inclusione con attività, tornei sportivi, eventi artistici, musicali e culturali e il più grande Forum Lgbti+ sui diritti umani del mondo per promuovere l'uguaglianza e la diversità. Per maggiori informazioni: visitdenmark.it.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie