Ferragosto naturista dalla Sardegna al Lazio

Ritrovi, aperitivi, merende e grigliate serali

di Ida Bini ROMA

SANTA SEVERA - Piscinas, Torre Salsa, Stignano Mare, Santa Severa e Lido Punta La Morge: crescono le spiagge in Italia per chi ama fare naturismo e si uniscono ai nuovi lidi fluviali, legalmente riconosciuti, da Nord a Sud d'Italia. Per il secondo anno consecutivo diverse associazioni e gruppi si sono uniti per proporre e promuovere la giornata del Ferragosto naturista condiviso e diffuso. Nonostante l'emergenza sanitaria il mondo naturista è riuscito a crescere e a vedere nuove realtà territoriali: sempre più lidi, infatti, sono destinati a chi ama stare in totale libertà ed è nato il primo distretto del turismo naturista a Varallo Sesia, in Piemonte.
    Per il 15 di agosto è stato organizzato un evento diffuso con ritrovi, aperitivi, merende e grigliate serali per far conoscere la realtà naturista e avvicinare alla sua filosofia, che spinge a vivere in armonia con la natura, a praticare la nudità, a favorire il rispetto di se stessi, degli altri e dell'ambiente.
    Tra le spiagge fluviali e marittime coinvolte nella manifestazione ci sono i lidi sui fiumi Sesia, Trebbia e Ticino; le spiagge sabbiose delle Dune di Piscinas, sulla costa occidentale della Sardegna; Lido Punta Le Morge a Torino di Sangro, in Abruzzo e il Lido di Dante sulla riviera romagnola.
    E, ancora, la spiaggia Sabbie Nere a Santa Severa, sul litorale romano; la spiaggia di Stignano Mare, in Calabria, e Marianelli, lido selvaggio e incontaminato tra i mandorleti, i limoneti e le dune di sabbia della Riserva Vendicari a Noto, nella Sicilia orientale.
    Per maggiori informazioni: italianaturista.it; naturismoanita.it, unait.org, naturismo-asina.it, abruzzonaturista.it; trebbianat.com; naturale.it 

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie