Ue, serve sforzo nei Paesi dove il tasso di vaccinazione è basso

Bene traguardo 70%, Bruxelles impegnata dove c'è esitazione

Redazione ANSA

BRUXELLES - La campagna di vaccinazione europea ha riportato dei "successi", ma "allo stesso tempo riconosciamo come tutte le autorità pubbliche che gli sforzi devono continuare e dobbiamo aumentare il tasso di vaccinazione in particolare in quei Paesi dove è basso". Lo ha detto il capo dei portavoce della Commissione europea, Eric Mamer, rispondendo ad alcune domande al consueto appuntamento quotidiano con la stampa.

Il traguardo raggiunto ieri del 70% della popolazione europea vaccinata è "importante", ha ricordato Mamer, soffermandosi però sulle "differenze" in alcuni casi molto ampie tra i diversi Paesi europei. "Siamo in una fase in cui penso sia molto chiaro che le campagne di vaccinazione stanno fornendo un significativo grado di sicurezza ai cittadini europei", ha sottolineato, aggiungendo che Bruxelles sta "continuando a collaborare" con i suoi Stati membri, "in particolare quelli dove c'è un problema significativo di esitazione vaccinale".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: