Von der Leyen sonda il terreno sulle priorità Ue

E' attesa mercoledì per lo Stato dell'Unione a Strasburgo

Redazione ANSA

BRUXELLES, 09 SET - Pandemia, rilancio economico, migrazioni, stato di diritto ed emergenze internazionali a partire dall'Afghanistan. Saranno questi i temi che la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen toccherà nel suo discorso sullo stato dell'Unione, mercoledì prossimo, alla plenaria del Parlamento europeo.

Dossier su cui i presidenti dei gruppi Ecr e Identità e democrazia, che non sostengono la 'maggioranza Ursula', sono pronti a dare battaglia. Un primo assaggio si è avuto alla riunione dei presidenti del Parlamento europeo con la leader comunitaria. "Non abbiamo bisogno di un super-stato, o dell'imposizione di un'agenda federalista, ma di un'Europa che metta al centro della sua azione cittadini e imprese, e che rafforzi la cooperazione tra gli Stati membri nel rispetto del principio di sussidiarietà", ha avvertito l'eurodeputato di Fratelli d'Italia e co-presidente del gruppo Ecr, Raffaele Fitto.

A puntare i piedi durante la riunione, anche il rappresentante di Identità e democrazia, che oltre a bocciare il patto sulle migrazioni, ha ricordato che il suo gruppo è contrario a qualsiasi debito aggiuntivo, o competenza fiscale per l'Ue.

Per la Sinistra Gue, centrale è invece la questione della pandemia ed il tema dei vaccini, con la richiesta di maggiore trasparenza sui contratti, e la carenza di forniture fuori dall'Ue, in particolare in Africa.

I Verdi invece hanno chiesto di accelerare sul pacchetto del Clima. Il Ppe si è soffermato sulla necessità di dare priorità alla crisi afghana, dal punto di vista migratorio ma anche geopolitico e difensivo, accogliendo la decisione della Commissione di portare la Polonia davanti alla Corte Ue.

Dieci le priorità evidenziate dagli S&D, a partire da una legge europea comprensiva contro la povertà, fino allo sviluppo di un meccanismo dell'Ue efficace in materia di democrazia, stato di diritto e diritti fondamentali. Temi quest'ultimi evocati anche da Renew, che ha posto l'accento anche sull'Unione della Sanità e sulla necessità di andare avanti sulla politica di difesa comune.

Mercoledì Von der Leyen è attesa in aula. Secondo fonti ben informate dovrebbe porre l'accento sulle lezioni che l'Ue ha tratto dal passato sia per il Covid, sia sulla crisi economica, senza dimenticare la migrazione e il rispetto dello stato di diritto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: