Arrivano le prime notifiche per la condizionalità allo Stato diritto su budget

Nelle prossime settimane. Prima si punta a approvare linee guida

Redazione ANSA

BRUXELLES -  Bruxelles ribadisce che "nelle prossime settimane saranno inviate le prime notifiche" sulla base del meccanismo che condiziona l'erogazione dei fondi del budget Ue al rispetto dello stato di diritto. Ma prima l'Esecutivo comunitario vuole terminare il lavoro sulle linee guida che indirizzeranno il regolamento del meccanismo dal punto di vista operativo. Ungheria e Polonia potrebbero essere i primi due Paesi ad essere colpiti. Sia Budapest che Varsavia sono da tempo nel mirino della Commissione europea per i deficit democratici dei loro sistemi. Oggi Bruxelles ha deferito la Polonia alla Corte di Giustizia europea per violazioni del diritto dell'Unione sulla salvaguardia dell'indipendenza dell'Ufficio delle comunicazioni elettroniche.

"Il lavoro corre su due binari paralleli - ha spiegato un portavoce della Commissione europea ad una domanda -. Da un lato, fin da inizio gennaio, quando il regolamento è entrato in vigore, si procede con la preparazione dei primi casi. Come segnalato dalla presidente della Commissione europea" nel suo discorso sullo stato dell'Unione "nelle prossime settimane saremo in grado di inviare le prime notifiche". "D'altra parte - ha aggiunto - lavoriamo ad un insieme di linee guida" che orienteranno "l'applicazione operativa del regolamento. Stiamo valutando la risposta avuta da Stati membri e Parlamento europeo alla consultazione conclusa a inizio settembre, con l'obiettivo di finalizzare al più presto. Idealmente prima di inviare le prime notifiche".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: