La risposta Ue ai Pandora Papers sarà la la lotta all'evasione fiscale

Gentiloni, 'Dall'inchiesta un impulso positivo per decisori politici'

Redazione ANSA

BRUXELLES - "La Commissione è stata molta proattiva negli ultimi anni nell'affrontare questo tema e ha messo in campo un'agenda ambizione sulla trasparenza fiscale" ed "è estremamente impegnata nella lotta contro l'evasione". Lo ha detto la portavoce della Commissione Ue, Dana Spinant, soffermandosi - nel briefing quotidiano con la stampa - sul dossier dei Pandora Papers che coinvolge, tra gli altri, alcuni leader dei Paesi membri Ue, come il premier ceco Andrej Babis.

"Non siamo nella posizione di fare alcun commento sulle singole persone coinvolte", ha aggiunto Spinant mentre il suo collega Daniel Sheridan Ferrie ha spiegato che la commissione formulerà, entro l'anno, "nuove proposte legislative" sulla trasparenza fiscale.

"Come tante altre inchieste di giornalismo investigativo, anche questa dei Pandora Papers darà un impulso molto positivo ai decisori politici" e da parte della Commissione europea "ci sarà prima della fine dell'anno una proposta" nel suo piano per la lotta all'evasione fiscale "contro l'abuso delle società di comodo, che è una delle questioni fondamentali che emergono" anche da questa inchiesta. Lo ha detto il commissario europeo per l'Economia, Paolo Gentiloni, arrivando all'Eurogruppo a Lussemburgo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: