Ue delusa da Londra, nessuna mossa su protocollo

Sefcovic: 'Gravi conseguenze se Gb sospende protocollo Irlanda'

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Oggi non abbiamo ancora visto nessuna mossa dal Regno Unito" sul Protocollo Irlanda/Irlanda del nord, "e trovo questo deludente. Ancora una volta esorto il governo del Regno Unito a impegnarsi sinceramente con noi". Così il vicepresidente della Commissione europea Maros Sefcovic al termine dell'incontro con il ministro britannico per l'attuazione della Brexit, lord David Frost, a Bruxelles. "La prossima settimana in questa prospettiva è dunque importante", ha aggiunto. Le due parti si incontreranno di nuovo la prossima settimana a Londra, Sefcovic sarà nella capitale britannica il prossimo 12 novembre.

"Abbiamo appena terminato un incontro con David Frost e il suo team per discutere dell'attuazione del Protocollo sull'Irlanda/Irlanda del Nord. Questo è stato il nostro terzo incontro, dopo il pacchetto di soluzioni di vasta portata della Commissione per l'Irlanda del Nord tre settimane fa".

"La Commissione si è impegnata intensamente con il Regno Unito per trovare un terreno comune tra le nostre rispettive posizioni e per portare stabilità e prevedibilità alle persone e alle imprese dell'Irlanda del Nord - ha aggiunto -. Non abbiamo risparmiato sforzi per preparare questo pacchetto e portarlo al traguardo. Il nostro pacchetto, nel suo insieme, fornirà cambiamenti significativi per gli operatori sul campo". Sefcovic ha poi spiegato che "in pratica, la nostra proposta creerebbe una sorta di Corsia Express" con la "burocrazia doganale dimezzata" e "anche una gamma significativa di prodotti al dettaglio" che "trarrebbe vantaggio da una certificazione semplificata. Ciò comporterebbe una riduzione fino all'80% dei controlli SPS", veterinari, fitosanitari e sanitari. Il rappresentante della Commissione europea ha poi parlato di "un modello completamente nuovo di come le merci possono essere spostate dalla Gran Bretagna all'Irlanda del Nord" che porterebbe a "maggiori opportunità per la popolazione dell'Irlanda del Nord".

"Non ci sono dubbi che l'attivazione dell'articolo 16" da parte del Regno Unito "per chiedere la rinegoziazione del protocollo" sull'Irlanda/Irlanda del Nord "avrebbe gravi conseguenze", ha detto Sefcovic al termine dell'incontro con il ministro britannico a Bruxelles.

E ci saranno conseguenze "gravi per l'Irlanda del Nord, poiché porterebbe all'instabilità e all'imprevedibilità. E anche per le relazioni Ue-Regno Unito in generale, poiché significherebbe un rifiuto degli sforzi dell'Unione per trovare una soluzione consensuale all'attuazione del Protocollo", su Irlanda/Irlanda del Nord, ha precisato Sefcovic nel corso di un punto stampa a Bruxelles. "Sono ugualmente impegnato sulla questione dei medicinali e rimango pronto a fare tutto il necessario per garantire la loro fornitura ininterrotta a lungo termine all'Irlanda del Nord, modificando le nostre norme dell'Unione", ha aggiunto Sefovic.

Ha quindi portato a progressi "limitati", secondo il governo di Boris Johnson, il colloquio svoltosi. Lo riferisce Downing Street precisando che restano alcune "fondamentali difficoltà", ma aggiungendo che le distanze "possono ancora essere colmate attraverso intense discussioni" la settimana prossima. Le proposte di modifica del protocollo fatte dall'Ue per alleggerirne l'impatto non sono comunque per Londra "sufficientemente efficaci".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: