Brexit: CdR, attivare riserva da 5 mld per limitare i danni

Relazione fra enti locali continuerà dopo il 2020

Redazione ANSA

BRUXELLES - Rendere il prima possibile operativa la cosiddetta 'Riserva di adeguamento per la Brexit', uno strumento di 5 mld di euro per gli Stati membri e i settori più colpiti. E' la richiesta del Comitato delle Regioni (CdR), che oggi ha inaugurato il nuovo gruppo di contatto sulla Brexit con un incontro online. Nonostante i cambiamenti significativi che ci saranno dal primo gennaio 2021, secondo il presidente del Consiglio regionale della Bretagna e leader del gruppo di contatto, Loïg Chesnais-Girard, "i politici locali e regionali di entrambe le parti condividono l'interesse a limitare i danni alle proprie economie". Lo scopo del gruppo è perciò salvaguardare la lunga relazione fra regioni e città che rischia di venire indebolita se non verrà raggiunto un nuovo accordo sostitutivo nelle prossime sei settimane. Chesnais-Girard si è rivolto al governo del Regno Unito per chiedere "di riconoscere" che il rapporto con l'Ue e soprattutto le amministrazioni locali "non può essere messo sullo stesso piano di altre relazioni". L'incontro di oggi - ha aggiunto - "mostra che abbiamo legami forti e di lunga data a livello locale" e che "queste relazioni devono essere mantenute e sviluppate ulteriormente in futuro".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: