Green deal: sindaco Romania, 'approccio sia eco, non ego'

Così Boc, membro Cdr a settimana Espon su cooperazione territori

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Siamo tutti sulla stessa barca e l'approccio" per la transizione giusta "dovrebbe essere 'eco', non 'ego'". Lo ha detto Emil Boc, sindaco di Cluj-Napoca in Romania e membro del CdR con il Partito popolare europeo (Ppe), intervenendo alla settimana Espon sulla cooperazione territoriale. Boc ha invitato a evitare i tagli alla Coesione e a "far pagare chi inquina", elencando quindi quattro priorità per la transizione giusta.

"Primo - ha detto -: abbiamo bisogno di essere pragmatici. Secondo: abbiamo bisogno di dialogo e di un vero supporto monetario. Terzo: abbiamo bisogno di un piano molto concreto perché un obiettivo senza un piano è soltanto un desiderio e alle persone servono azioni concrete per sapere cosa succederà ai loro lavori in uno, cinque o 10 anni. Per ultimo: dobbiamo identificare i vantaggi competitivi di ogni regione e città, dal turismo all'innovazione" per focalizzare i piani e i finanziamenti futuri.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: