Henkel: Ciocca, Europa intervenga in difesa dipendenti

'Azienda ha fatto utili grazie capacità lavoratori italiani'

Redazione ANSA MILANO
(ANSA) - MILANO, 17 FEB - "E' inaccettabile che una multinazionale tedesca senza reali motivazioni se non quello di trarre maggiori profitti chiuda uno stabilimento in Italia lasciando a casa 150 famiglie". Lo afferma l'europarlamentare pavese della Lega, Angelo Chiocca, riguardo la sede della Henkel a Lomazzo, in provincia Como, di cui è stata annunciata la chiusura.

"Il sito di Lomazzo ha infatti sempre dimostrato di rispondere alle necessità produttive dell'azienda e se in questi anni la multinazionale è cresciuta e ha generato utili è anche grazie all'impegno, alla capacità e alla professionalità dimostrata dai lavoratori italiani", sottolinea l'esponente politico che ha presentato un'interrogazione alla Commissione europea per chiedere quali misure voglia mettere in atto per difendere i lavoratori da una chiusura immotivata.

"Un decisione - conclude Ciocca - che porterebbe con se pesanti ricadute sociali ed economiche aggravate dalla pandemia che non ha risparmiato tra le altre le realtà produttive".

(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: