Gozi,dare rappresentanza a elettorato liberale e riformatore

Stop a veti e personalismi, costruire spazio centrale

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 31 MAR - "Dobbiamo aggregare, avere il coraggio di integrare, fare delle nuove squadre ed evitare la guerra tra piccoli partiti o movimenti che singolarmente hanno poco appeal nell'elettorato. E' inspiegabile che vi siano diverse forze che per il 90% dicono le stesse cose - dall'Europa all'economia, passando per la giustizia, la lotta al moloch burocratico, il futuro dei giovani o le battaglie sui diritti fondamentali - e poi restano divise per piccole baruffe, opportunismi del momento o sondaggi che ad oggi lasciano il tempo che trovano". Lo ha detto Sandro Gozi nel corso del dibattito "Verso un'Italia riformista" con il coordinatore nazionale di Base Italia, Marco Bentivogli.

"E' il momento di costruire e occupare uno spazio centrale - ha continuato Gozi -, federando queste forze sull'esempio di Renew Europe, un esperimento che al Parlamento europeo sta funzionando e sta dettando l'agenda dell'Ue. Il quadro politico attuale in Italia lascia sguarnita la rappresentanza di una parte consistente di elettorato, liberale e riformatore, lontano dalla sinistra e dai populismi e gli estremismi di diversa natura".

Un elettorato che per l'eurodeputato di Renew Europe "oggi si identifica con la nuova guida del presidente Draghi, ma che non ha una vera rappresentanza nei partiti". "Se la smettiamo con i veti e con i personalismi, percorrere questa strada è possibile", ha concluso. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: