Expo Dubai 2020

  1. ANSA.it
  2. Expo Dubai 2020
  3. News
  4. A Expo Dubai, visitatori incontrano uomo preistorico grazie a 3D

A Expo Dubai, visitatori incontrano uomo preistorico grazie a 3D

Padiglione Serbia unisce scienza e tecnologia videogiochi

Redazione ANSA DUBAI

(ANSA) - DUBAI, 19 DIC - A Expo 2020 Dubai, un uomo preistorico vissuto 10 mila anni fa è tornato virtualmente in vita, e oggi interagisce coi visitatori del Padiglione della Serbia grazie alla sinergia tra scienza e grafica 3D proveniente dall'industria dei videogiochi. Il progetto è stato svelato in una prima mondiale il 17 dicembre e vede come protagonista un individuo dell'era mesolitica, il cui volto è stato ricostruito digitalmente consentendo interazioni umane in tempo reale e rispondendo agli stati emotivi dei visitatori, restituendo sorrisi o esprimendo rabbia, tristezza e altri sentimenti.
    Il progetto è frutto dell'unione tra le conoscenze acquisite dall'osteologia, la scienza del Dna e i processi forensi, e la tecnologia del progetto MetaHuman, sviluppata da Epic Games, la casa di videogiochi dietro al motore grafico Unreal Engine e videogame di grandissimo successo come Fortnite. Il processo ha creato così un modello digitale "biocinetico" del volto dell'uomo preistorico, il cui cranio è conservato nel Laboratorio di Bioarcheologia della Facoltà di Filosofia di Belgrado.
    La partecipazione della Serbia a Expo Dubai "è incentrata completamente su creatività e innovazione", con l'idea di essere "ispirati dal passato per modellare il futuro", ha dichiarato Ana Ilic, vice commissaria generale del Padiglione della Serbia, parlando al servizio informativo di Expo. L'uomo preistorico Metahuman "è un progetto scientifico fantastico e unico che unisce gli sforzi della scienza e l'industria dello sviluppo di videogiochi", ha sottolineato, spiegando come l'individuo vissuto migliaia di anni fa sia stato "ricreato in 3D con le sue caratteristiche autentiche", come il colore degli occhi e dei capelli, le sue espressioni facciali. "Si tratta di un bellissimo esempio di innovazione che sarà utilizzata non soltanto in questo particolare ambito della scienza dell'antropologia, ma anche nell'industria della creatività, l'istruzione, museologia. Questo è solamente l'inizio", ha aggiunto.
    "Come scienziati, analizziamo le ossa umane antiche dalle quali possiamo ricevere molte informazioni sugli uomini del passato, ma non possiamo vedere quale fosse il loro aspetto", ha dichiarato Sofija Stefanovic, che ha guidato il team degli scienziati del progetto. "Abbiamo utilizzato una nuova tecnologia chiamata Digital Ancient Human (Dah), che combina una serie di metodi diversi per produrre un'osteobiografia degli uomini antiche". Usando quei dati, è stato possibile realizzare "la ricostruzione fisica del viso, basata sulle ossa del cranio".
    "La prima mondiale di questa innovazione globale, che arriva dalla Serbia, ha il potenziale di cambiare completamente il modo in cui i musei presentano il passato. Molto spesso, alle persone vengono presentati oggetti statici di un particolare periodo di tempo, ma ora per la prima volta siamo in grado di rappresentare persone reali con sentimenti ed emozioni", ha spiegato Stefanovic. L'installazione preistorica MetaHuman è aperta ai visitatori del Padiglione della Serbia fino alla conclusione di Expo, il 31 marzo 2022. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: