Percorso:ANSA > Nuova Europa > Macedonia > Balcani: Banca Mondiale, crescita 4.4% in 2021

Balcani: Banca Mondiale, crescita 4.4% in 2021

Ma molto dipende da sviluppo epidemia, fiducia imprese, turismo

01 aprile, 10:11
(ANSA) - BELGRADO, APR 1 - Dopo il forte calo nel 2020 causato dalla pandemia e dalle misure restrittive per arginare il virus, la crescita economica nei Balcani occidentali dovrebbe risalire al 4,4% nel 2021 e continuare ma in maniera più moderata (3,7%) nel 2022. Lo segnalano le ultime previsioni della Banca Mondiale (Bm), istituzione finanziaria che ha tuttavia segnalato che il quadro dipende significativamente dalla messa sotto controllo dell'epidemia in Albania, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Serbia, Macedonia del Nord e Kosovo, ma anche dalla ricostituzione della "fiducia dei consumatori e delle imprese e dal miglioramento del quadro "dell'instabilità politica", si legge nell'aggiornamento economico di primavera della Banca mondiale. Banca che ha inoltre segnalato che "il reddito pro capite" nella regione "rimarrà del 6,5% al di sotto delle proiezioni pre-pandemia fino al 2022". Inoltre, "le economie dipendenti dal turismo", in particolare Albania e Montenegro, "continueranno a fare i conti con le restrizioni sui viaggi internazionali", con possibili impatti negativi sul comparto turistico. Secondo le nuove previsioni della Banca, la crescita economica più sostenuta si registrerà quest'anno in Montenegro (+ 7,1%), seguita da Serbia (+ 5,0%), Albania (+ 4,4%), Kosovo (+ 4,0%), Macedonia del Nord (+ 3,6%) e Bosnia-Erzegovina (+ 2,8%). Nel 2020, la caduta più severa del pil nella regione è stata registrata in Montenegro (-14,9%), seguito da Kosovo (-6,9%), Albania (-4,7%), Macedonia del Nord (-4,5%), Bosnia-Erzegovina (-4,0%), mentre l'economia in Serbia ha rallentato in maniera meno violenta (-1,0%).

(ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati