Nazione

Stati Uniti

39 41 33

Cina

38 32 18

Giappone

27 14 17
Nazione

Regno Unito

22 21 22

ROC

20 28 23

Australia

17 7 22
Nazione

Paesi Bassi

10 12 14

Francia

10 12 11

Germania

10 11 16
Nazione

Italia

10 10 20

Canada

7 6 11

Brasile

7 6 8
Nazione

Nuova Zelanda

7 6 7

Cuba

7 3 5

Ungheria

6 7 7

Tokyo: pallavolo, anche l'Italia donne fuori. Mazzanti: 'Avevo detto di staccarsi dai social'

Le azzurre sono state sconfitte tre set a zero dalla Serbia. Fuori anche il Settebello

Redazione ANSA TOKYO

Come nel torneo di pallavolo maschile, anche in quello femminile l'Italia è stata eliminata nei quarti di finale delle Olimpiadi di Tokyo 2020. Le azzurre sono state nettamente sconfitte dalla Serbia per tre set a zero (25-21, 25-14, 25-21 i parziali).  

"Alle ragazze avevo detto: 'Cercate di staccarvi da tutto quello che vi circonda' perché già di emozioni ne abbiamo tante. La melma quando arriva è melma, al di là di chi te la tira. Questa Olimpiade è stata una palestra tosta per tutti sotto questo punto di vista: per me che ho fatto cinque post in sei anni è più facile staccarmi dai social, forse per loro è un po' più difficile", ha detto l'allenatore della nazionale di pallavolo femminile, Davide Mazzanti, dopo la netta sconfitta nei quarti di finale con la Serbia. "Di certo - ha aggiunto - non abbiamo perso per questo".

Dopo le nazionali italiane di basket maschile, di pallavolo maschile e femminile, anche quella di pallanuoto maschile è stata eliminata nei quarti di finale delle Olimpiadi di Tokyo. Il Settebello allenato da Sandro Campagna è stato sconfitto dalla Serbia per 10-6 (5-2; 4-1; 0-1; 1-2). "Il mio rammarico è quello di non essercela potuta giocare fino all'ultimo secondo. Non me l'aspettavo una partenza del genere, avevo visto i ragazzi belli carichi, mi ha sorpreso". Il ct del Settebello Sandro Campagna non nasconde la sua amarezza per l'eliminazione degli azzurri nei quarti di finale di Tokyo 2020, sconfitti dalla Serbia campione in carica per 10-6. Fatali i primi due quarti, con il parziale a fine primo tempo che vedeva gli azzurri sul massimo svantaggio di -6: "Se non prendevamo quei cinque, sei gol tra i primi due tempi, oggi sarebbe stata una battaglia fino all'ultimo secondo", dice ancora Campagna, sottolineando che "il nostro cammino è stato buono" e che in vista di Parigi 2024 "abbiamo tre anni per lavorare in maniera intensa, senza fasciarci la testa ma mettendoci a lavorare sodo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Modifica consenso Cookie