Libri

Premio Kinéo Arte e Letteratura 2021 a Karine Tuil

Consegnato al Lido di Venezia. Dal romanzo il film di Yvan Attal

(ANSA) - ROMA, 10 SET - Alla scrittrice francese Karine Tuil, già Prix Interallié e Prix Goncourt des Lycéens, è stato consegnato, il 9 settembre al Lido di Venezia, il prestigioso riconoscimento Kinéo Arte e Letteratura 2021 per il suo romanzo 'Le cose umane', in corso di traduzione in 12 lingue, con oltre 350 mila copie vendute solo in Francia, appena uscito in libreria per La nave di Teseo.
    Da questo romanzo il regista Yvan Attal ha tratto l'omonimo film con Charlotte Gainsbourg, Pierre Arditi e Mathieu Kassovitz, presentato nella selezione ufficiale della 78/ma Mostra del Cinema di Venezia.
    Oltre all'autrice, all'evento sono intervenuti il direttore generale ed editoriale de La nave di Teseo, Elisabetta Sgarbi, il presidente della Nave di Teseo Mario Andreose e la presidente del Premio, Rosetta Sannelli.
    "Nelle faccende umane il nodo del bene e del male è inestricabile... Il romanzo di Karine Tuil racconta con esattezza di questo nodo. E lo fa a partire dal luogo dove, per eccellenza, le ragioni devono essere prodotte: un processo. Le prime pagine non sembrano neanche appartenere a un romanzo. La sua aderenza ai fatti che vediamo svolgersi, i riferimenti alla realtà, producono l'impressione che si tratti di un'inchiesta.
    La giovane Claire Farel, che ritroveremo una ventina danni dopo come una delle protagoniste, è stagista alla Casa Bianca insieme a Monica Lewinski - non ho bisogno di spiegarvi chi è - e Huma Abedin, che sarebbe diventata la più stretta collaboratrice di Hillary Clinton e moglie di quel Anthony Weiner che bruciò la sua carriera politica per il vizio di mandare foto di erezioni alle sue amanti. Questo è il calco, da qui, da questo big bang dell'Occidente si origina la vicenda de 'Le cose umane'. Tutto esplode a partire da un unico detonatore: il sesso. Claire diventa madre di Alexandre, Alexandre si mette nei guai per quello che la vittima denuncia come uno stupro. Intorno le famiglie si disintegrano e l'eros è padrone" spiega la motivazione al premio firmata dalla scrittrice Elena Stancanelli. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie