Libri

Anna Finotto, Un cappello di lana giallo

Romanzo che celebra l'amicizia e il perdono

ROMA - ANNA FINOTTO, UN CAPPELLO DI LANA GIALLO (Armando Curcio Editore, pp.103, 14.90 euro) Celebra l'amicizia più forte e spontanea, quella nata sui banchi di scuola e che poi può durare tutta una vita, il romanzo "Un cappello di lana giallo", pubblicato da Armando Curcio Editore, esordio nella narrativa di Anna Finotto. Al centro del libro ci sono due amiche dai caratteri diversi, una più fragile, l'altra più forte: si conoscono fin da ragazzine e una volta cresciute si trovano ad affrontare insieme un percorso difficile, fatto di scelte non scontate, condivisione ma anche di tanto dolore. Con un linguaggio curato e a tratti anche poetico, l'autrice racconta una storia difficile tutta al femminile, amplificando i sentimenti più autentici e il loro valore e accendendo i riflettori su una malattia crudele, come l'Aids, che nel mondo ancora miete molte vittime e per la quale ancora non si è trovata una cura definitiva.
    La sofferenza e il coraggio, la tossicodipendenza, il perdono e la messa in discussione dei valori, la malattia che esplode e mina ogni certezza, fisica e psicologica, l'amicizia che non giudica ma che comprende e lenisce: "Un cappello di lana giallo" affronta senza paura tematiche ed emozioni complesse, amplificando l'importanza della speranza come seme da coltivare e della consapevolezza di sé come strumento per rinascere.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie