Economia

Sud: Cna, troppi territori senza specializzazione, il 38,9%

Al Centro-Nord Italia è l'1,2%. È una delle cause del divario

(ANSA) - ROMA, 28 APR - Nelle regioni meridionali, i territori privi di specializzazione sono il 38,9% del totale contro l'1,2% dell'Italia del Centro-Nord. E questa carenza di specializzazioni produttive è "tra le cause principali del divario", secondo un'indagine del Centro studi CNA condotta sui cosiddetti Sistemi locali del lavoro (Sll) che sono realtà territoriali, individuate dall'Istat, con tessuti produttivi e imprenditoriali che hanno connotazioni ben definite.
    La de-specializzazione produttiva del Mezzogiorno riguarda sia i settori industriali sia i servizi. "Per quanto riguarda l'industria - suggerisce l'indagine Cna - il punto da cui ripartire è lo sviluppo di un tessuto produttivo locale costituito, oltre che da grandi imprese (altrimenti si rischierebbe di replicare la politica delle cosiddette "cattedrali nel deserto") da un tessuto di imprese dalla dimensione decisamente più ridotta". Generalmente, infatti, spiega la Cna, i sistemi che hanno tassi di occupazione superiori alla media "sono quelli popolati da un elevato numero di piccole imprese".
    Nel settore dei servizi lo sbocco prospettato è "quello di puntare sul turismo, che nel Mezzogiorno è, paradossalmente, il settore meno valorizzato". Può risultare incredibile, ma nelle regioni meridionali i territori specializzati nel turismo sono appena il 7,9% del tessuto produttivo meridionale e soltanto il 26,2% dei Sistemi turistici presenti in tutto il territorio nazionale. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
      BANCA IFIS
      Vai alla rubrica: PMI



      Modifica consenso Cookie