• >ANSA-IL-PUNTO/COVID:Veneto,record vaccini, c'è rebus scuola

>ANSA-IL-PUNTO/COVID:Veneto,record vaccini, c'è rebus scuola

Zaia, presenza al 100% e capienza bus al 50%? non ci sono mezzi

(ANSA) - VENEZIA, 19 APR - Rallenta ancora la corsa del Covid in Veneto, e anche se i dati del lunedì sono poco significati - solo 497 i contagi in più nelle 24 ore - il conteggio dei ricoveri racconta di una situazione di uscita dall'emergenza.
    "Mi riservo di vedere il bollettino di domani - ha detto il governatore Luca Zaia - ma il trend da 8 giorni è in diminuzione sia sulle terapie intensive che sulle aree non critiche, e anche l'algoritmo ci dà una previsione di calo". Il timore si sposta sui rischi che le riaperture dal 26 aprile potrebbero comportare. "Dal 26 aprile si riapre: ci vuole massima attenzione" ha scandito Zaia. "Se ci chiudiamo in casa rischiamo di meno - ha osservato - però è altrettanto vero che la situazione di equilibrio sta nel mezzo. La responsabilità diventa individuale con mascherina e distanziamento".
    C'è inoltre un rebus di non facile soluzione: il ritorno dei ragazzi in presenza a scuola al 100%; ma con il riempimento degli autobus al 50%. "Il problema è che non si sono i mezzi.
    Faccio appello al Governo - ha detto Zaia - perchè prenda in mano velocemente la situazione. Da lunedì 26 questo sarà il problema per tutte le regioni italiane". Secondo Zaia, con l'attuale parco autobus, le soluzioni non sono molte: "se non ci sono i mezzi sul mercato - ha spiegato - o si riduce un po' la presenza degli studenti a scuola, al 60-70%, oppure, lo ha fatto già la Puglia, si rende facoltativa la presenza in aula".
    Prosegue intanto la campagna vaccinale. Il Veneto ha il primato in Italia di dosi somministrate, 92,4%, rispetto a quelle consegnate, anche se qui, diversamente da regioni come il Lazio, non vi è ancora possibilità di prenotazione per gli under 60. Le Ulss hanno completato le somministrazioni alla popolazione over 80 - "anche se il 5% degli anziani di questa categoria - ha confermato il presidente - non vuole vaccinarsi, l'1% non è stato rintracciato". Vi sono tuttavia notizie positive sulle prossime forniture: da lunedì 26 aprile dovrebbero arrivare in Veneto 50mila dosi Pfizer in più, che porteranno lo stock del vaccino americano a 170mila; altre consegne di Pfizer sono attese il 29 aprile (181.350) il 6 maggio (171.990), e il 13 maggio (171.990); molto poche le dosi di Moderna nei magazzini della sanità veneta, solo 21mila dosi. (dato di stamani), in questi giorni è il più difficile da inoculare - conclude - perché è stato altalenante nelle forniture".
    Il bollettino odierno, con 497 nuovi contagi Covid, ha aggiornato a 401.947 il dato degli infetti da inizio epidemiane; le vittime registrate nelle ultime 24 ore solo 7 decessi, per un totale di 11.111. Negli ospedali i pazienti Covid sono 1.759 (-7), dei quali 1.495 ricoverati nei reparti medici, (-8), e 264 nelle terapie intensive (+1). (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie